... A CARNEVALE

  • Days

  • Hours

  • Minutes

  • Seconds

 

La lotteria più allegra che ci sia

E' Arrivata la Lotteria più pazza dell'anno...i biglietti sono disponibili in tutti gli esercizi commerciali

La storia e le Maschere della Tradizione

Nato in tempi remoti, in un mondo arcaico, in armonia con la natura, espressione di riti ancestrali rudi, misteriosi e magici "il Diavolo" antica maschera carnevalesca, si rivela, l'ultimo giorno di Carnevale a Tufara, tra folli corse e acrobazie temerarie. Tramandato nei secoli, espressione tipica della comunità, richiama cultori da tutto il mondo. La figura caprina, il tridente fra le mani, i movimenti accattivanti, suscitano timore e superstizione. Tutti vorrebbero evitarlo, ma ognuno in fondo al cuore spera di essere circondato dal suo seguito urlante. Da dove sbuca quest'essere insolito, misterioso? Dagli inferi, da un'antica casa abbandonata dove occulti riti lo riportano in vita per correre tra le vie del paese? Chi è? Quale mistero cela dietro la nera maschera? È forse figlio della dimenticata primavera, quando a gemma germoglio e fiore si tributava sangue perché crescessero più forti e abbandonati, o quando l'uomo per scrollarsi di dosso l'agghiaccio invernale, danzava e intuiva la natura al risveglio? O forse è l'inquisitore, l'ammonitore delle coscienze ribelli, dove il giogo è pesante e la libertà impellente? "Il Diavolo" forse è tutto questo o forse tutt'altro, ma a Tufara, lo si attende con ansia, per liberarsi con lui di un folleggiare breve e cruento, per dimenticare in un giorno quanto dura è la fatica di vivere. La maschera, è tra quelle che conservano le antiche caratteristiche da cui traggono origine, anche se il suo significato primitivo si è in parte perduto, essa rappresentava, un tempo, la passione e la morte di Dioniso, dio della vegetazione, le cui feste venivano celebrate in quasi tutte le realtà agresti. Infatti Dioniso, cosi come la vegetazione di cui era dio, moriva e si rinnovava perpetuamente.

Il Diavolo

Maschera zoomorfa, rappresentante del Dio in terra, era vestito con 7 pelli di capro, animale sotto le cui sembianze amava manifestarsi il Dio.
Si sa, però, che il sacro spesso non va d’accordo con il profano, cosi, con l’avvento del Cristianesimo, il rito pagano fu “declassato” a mera maschera carnevalesca, con l’aggiunta di figure ad essa spesso estranee.
Ed è sotto questa forma che noi lo conosciamo oggi.

...continua a leggere

Galleria Fotografica

Tufara

Provate ad immaginare la calma e la serenità di un tipico paese mediterraneo, circondato da una natura semplice e suggestiva, dove i comignoli sul tetti lasciano i pennacchi di fumo che spargono l'odore di camino e legno lungo i vicoli di pietra. Immaginate, poi, tra le case antiche di questo paese di incontrare i bastioni di una possente fortezza medioevale che domina le case, i vicoli e le valli circostanti; immaginate ancora un bosco, la magia del suo silenzio, il colore delle sue stagioni... Immaginate tutto questo e scoprirete di trovarvi a Tufara: un piccolo centro a 420 mt. dal livello del mare di inaspettata semplicità mediterranea dove la luce del cielo, il colore delle pietre, il ritmo della vita e tutto il resto vi parleranno sempre di cose semplici e genuine. Percorrendo le lunghe scalinate e i vicoli del borgo è possibile apprezzare direttamente l'origine da cui deriva il nome del paese, la roccia tufacea, ovunque infatti è possibile notare gli spuntoni di tufo che costituiscono le cantine e le fondamenta delle case unite, verso l'alto, da caratteristici passaggi pensili che fanno da arco ai vicoli. Case rustiche si alternano a palazzotti nobiliari dai caratteristici portali in pietra molto spesso adornati al centro dell'architrave da un fregio o da un emblema.

Se vuoi venirci a trovare [clicca qui]

Chi Siamo

L'Associazione Culturale "Antica Maschera Il Diavolo", nata a Tufara il 19 Gennaio 1999, cura e promuove l'immagine dell'antica maschera tradizionale del paese, con il patrocinio della Regione MoliseProvincia di CampobassoComunità Montana del Fortore MolisanoE.T.P. Ente Provinciale per il Turismo e del Comune di Tufara. Sin dalla sua fondazione, ha realizzato molteplici iniziative, destando l'interesse pubblico, della stampa e della televisione intorno a questa figura le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Lo scopo primo dell'Associazione è di far conoscere le proprie tradizioni e culture in tutta Italia, attraverso gemellaggi con altre maschere che ripropongono riti zoomorfi simili e partecipazioni a numerose sfilate carnevalesche. Tutte le attività che l’Associazione svolge sono rivolte alla diffusione dell'antica tradizione carnevalesca di Tufara, (rara per le sue peculiarità e dì notevole interesse antropologico per gli studiosi), al fine di rendere il Carnevale di Tufara un appuntamento immancabile tra le manifestazioni del periodo. L'Associazione per realizzare tutte le iniziative si avvale di una forma organizzativa non burocratica, aperta al contributo dei singoli soci, ma anche di altri soggetti, circoli, associazioni "no-profit", che condividono le stesse finalità sociali. La domenica che precede l'ultimo giorno di carnevale, a Tufara, si celebra "LA MAGIA DEL CARNEVALE": l'Associazione organizza una manifestazione che ospita le più famose maschere italiane. Questa kermesse rende il Carnevale di Tufara uno tra i più originali: la tradizine che si rinnova ormai da secoli, lo classifica tra i più antichi d'Italia.

Info Utili 

     +39 347 3365092

       Piazza Mazzini, 11 Tufara (CB)

     ass.cult-ildiavolo@libero.it

       A.C.A.M. IL DIAVOLO 

 

 

Contattaci

Scrivici se hai qualche dubbio o più semplicemente vuoi maggiori info sul nostro Carnevale